L’ORA E L’OMBRA, di Pierre Jourde

L’ORA E L’OMBRA, di Pierre Jourde (Prehistorica Editore – 2021)

E come accade sempre più spesso, è di nuovo una piccola casa editrice che ci regala la possibilità di leggere in traduzione uno scrittore di eccezionale abilità e dallo stile unico.

Leggere Pierre Jourde è un piacere immenso e dona attimi di pura estati a chi è amante della “bella scrittura”.

Paragonato in patria a Marcel Proust per la capacità di viaggiare nel tempo umano con levità e profondità assieme.

L’ora e l’’ombra è un romanzo che parla di amore e di amicizia. Di sogni perduti e di ossessioni incancellabili.

Ci racconta la storia di un uomo e della sua vita, che si intreccia e si scontra con le vite di altri in un susseguirsi quasi ipnotico di ricerche e abbandoni che costelleranno tutta la sua esistenza.

Evocativa e poetica e’ la descrizione spesso quasi onirica dei paesaggi francesi che ,a loro volta,sono protagonisti del racconto e fanno da contraltare emotivo alle vicende del protagonista.

L’ora e l’’ombra è un romanzo intimista ma ha la potenza per divenire storia comune a tutti noi. I rimpianti, le paure, i fallimenti del protagonista risuonano profondi e forti nel lettore.

“Ecco la ragione per cui sono tornato una seconda volta a Saint Savin. Non più nella speranza di ritrovare quello che un tempo mi aveva illuminato, quanto piuttosto, credo,per rimuginare nostalgicamente su me stesso. Forse anche perché, soffrendo per la mancanza di spessore della mia esistenza, che cercavo di compensare con il ricorso a quei simboli di vita finalmente concreta che sono il vino e il cibo, ho voluto, in un movimento di ritorno verso l’incompiuto, renderla definitivamente irreale. Ho cercato, mescolandomi ai fantasmi, di diventare fantasma io stesso”

Recensione di Annachiara Falchetti

Commenti