L’UCCELLO NERO Gunnar Gunnarsson

L’uccello nero, di Gunnar Gunnarsson (Iperborea)

Questo è un romanzo giallo discretamente datato visto che fu scritto nel 1928, ma il suo valore risiede forse soprattutto in questo.

In Islanda è considerato il libro che ha dato il via al filone noir della letteratura del paese e Iperborea ha avuto il grande marito di portarlo all’attenzione del pubblico italiano.

La storia si svolge in uno di quei paesi isolati e sperduti tra le inospitali scogliere islandesi e prende spunto da un fatto di cronaca probabilmente realmente accaduto.

Due strane morti, due coppie che nascondono segreti e il curato del paese che ci guida nelle indagini e nel processo che ne consegue.

L’uccello nero è un giallo ma è soprattutto un continuo interrogarsi sul senso della giustizia e sulla possibilità di redenzione.

Da leggere per tutti quelli che amano le atmosfere rarefatte e quasi claustrofobiche che la letteratura nord europea sa rendere in maniera unica.

Recensione di Annachiara Falchetti

Commenti