I TOPI DEL CIMITERO – Carlo H. De Medici

I TOPI DEL CIMITERO, di Carlo H. De Medici (Cliquot)

Ancora una volta la casa editrice Cliquot, dopo aver portato alle stampe quel piccolo capolavoro che è Gomoria, ci regala un altro libro di Carlo H.De Medici.

Di questo autore si sa ancora pochissimo a partire dalla sua data di nascita che slitta dal 1877 al 1887.

Giornalista, filosofo, amante delle scienze ed estremo cultore dell’arte esoterica, De Medici costituisce probabilmente in Italia un unicum letterario proprio per la sua prosa e i temi trattati nei suoi scritti.

Come in Gomoria, anche ne I topi del cimitero il fil rouge che lega tutti i racconti e’ certamente quello dell’ossessione per l’oscuro, il non conosciuto, il mistero insondabile della vita e della morte.

Impossibile non trovare nei racconti una forte eco di Edgar Allan Poe ,sia per la costruzione stilistica di grandissimo pregio, sia per la potenza a tratti romantica con cui viene trattato l’amore e la perdita dell’amata.

Con I topi del cimitero Carlo H. De Medici si conferma per me il vero esponente di spicco della letteratura gotica del Novecento italiano ma il mio giudizio era già ben saldo dopo aver letto Gomoria.

Menzione speciale alla casa editrice per la selezione editoriale in primis e per la magnifica scelta grafica.

Recensione di Annachiara Falchetti

GOMORIA – Di carlo H. De’ Medici

Commenti