IL DOMINIO DELLA LUCE – Tsushima Yuko

IL DOMINIO DELLA LUCE, di Tsushima Yuko (Safarà – luglio 2023)

La scrittrice era figlia di Osamu Dazai anch’egli un celebre scrittore ed insieme ad uno sparuto gruppo di donne ha dato vita ad un filone di letteratura intimista, tutto incentrato sulla donna e la sua lotta per l’emancipazione.

Il suo stile è unico e ricercato soprattutto perché riesce ad entrare nella mente e nel cuore dei suoi personaggi, presentandoci un caleidoscopio di sensazioni e sentimenti quasi infinito.

Il romanzo si dipana in dodici capitoli.

Dodici istantanee nella vita di una giovane donna di cui non sapremo mai il nome perché è emblema di una condizione universale nella quale ognuno può riconoscersi. Una mamma separata che affronta i demoni del quotidiano e che pagina dopo pagina sprofonda in uno stato di depressione e confusione quasi allucinatorio.

Una donna il cui inconscio turbato affiora attraverso sogni via via più complessi e claustrofobici.

E poi c è la luce, tanta luce. Così tanta che arriva ad essere troppa e rendere cosi cieco chi la osserva troppo a lungo.

Luce che non permette angoli oscuri, sia nella casa sia nella mente della protagonista.

Luce che è così abbacinante da diventare buoi che inghiotte e acceca.

“Non dovevo parlare con nessuno dell’esistenza di un luogo con cui volevo fondermi fino a diventare io stessa una particella di luce. Una luce così concentrata che non poteva essere di questo mondo. Avevo osservato quel paesaggio di luce immobile,ma non avevo mai cercato di procedere oltre.

Come sempre ringrazio le piccole case editrici e la Safarà in questo caso, per aver portato al pubblico italiano le opere di una scrittrice così importante e peculiare nel panorama della letteratura giapponese.

Una menzione alla splendida copertina che fa parte di un progetto grafico di più ampio respiro che Safarà ha immaginato e creato per tutti gli autori del Sol Levante

Recensione di Annachiara Petromilla

Commenti