I SUOI OCCHI – Bozorg ‘Alavi

I SUOI OCCHI, di Bozorg ‘Alavi (Ponte 33 – marzo 2023)

‘Teheran stava soffocando. Nessuno riusciva a prendere fiato, tutti avevano paura di tutti[..]Tutti avevano paura persino di se stessi, della propria ombra.

[..]La tristezza, l’apatia, la diffidenza e la disperazione erano palpabili nell’aria, nessuno osava guardarsi intorno per il terrore di destare sospetti.

[..]Da nord a sud, da est a ovest anziani e ragazzini di dieci anni, chierici e contadini, commercianti e inservienti di due bagni pubblici venivano gettati in prigione perché avevano sognato, e nel sogno avevano desiderato la caduta del regime.”

Questo è l’incipit di I suoi occhi, unico romanzo dello scrittore persiano Bozorg ‘Alavi, pubblicato nel 1952 quando l’autore, attivista politico per la liberazione dell’Iran dalla dittatura, si appresta a fuggire in Europa dopo aver trascorso numerosi anni da prigioniero a Teheran.

Il racconto si snoda nell’Iran degli anni 30 dove la morte di un pittore inviso al regime e il ritrovamento di un suo quadro che rappresenta un volto femminile diventa motivo e pretesto per indagare e raccontare un periodo storico durissimo e doloroso fatto di lotte, cospirazioni, sollevazioni popolari e omicidi sommari.

Parallelamente alla storia umana e sociale di un paese tanto bello quanto sfortunato, l’autore ci porta,con tecnica freudiana, nella mente e nel cuore di una giovane donna che è protagonista di tutto il romanzo e che l’autore utilizza con grande maestria per mostrare al lettore il lato privato e spesso tormentato di chi tenta di ribellarsi ad un regime.

I suoi occhi è un romanzo scritto in maniera impeccabile, denso di avvenimenti ma ancor più di sentimenti, intriso di quell’orgoglio magico che da sempre contraddistingue il popolo persiano.

Da leggere per ricordare con dolore e sgomento che a quasi 90 anni dagli eventi narrati l’aria che si respira a Teheran forse è ancora più pesante di quella descritta in quel potente incipit.

Da notare che fu tradotto soltanto in inglese e nel 1989.

La casa editrice Ponte33 ha avuto l’immenso merito di curare la prima traduzione in un’altra lingua europea

accompagnandola da una minuziosa prefazione di Christophe Balay professore di lingua e letteratura persiana all’INALCO di Parigi.

Recensione di Annachiara Falchetti

2 Comments

  1. Segnalo un errore nell’indicazione nel testo del nome della casa editrice: Ponte33 e non Pozzo33

  2. Grazie per la segnalazione!

Commenti